Bonus mobili e lavori di ristrutturazione

Bonus ristrutturazioni e mobili 2018: novità, importo e lavori ammessi in detrazione fiscale

Bonus ristrutturazioni e mobili 2018: novità, importo e lavori ammessi in detrazione fiscale
5 (100%) 2 voto/i

Grazie alla Legge di bilancio 2018, i lavori di ristrutturazione, a partire al 1° gennaio 2018, sarà possibile beneficiare della detrazione Irpef, per un importo del 50% delle spese sostenute.

La nuova Legge di bilancio ha introdotto importanti novità riguardo i bonus casa per i contribuenti.

Cosa significa per chi intende acquistare un’immobile non più nuovo e vuole ristrutturalo?

  • Si potrà beneficiare delle detrazione fiscale del 50% delle spese sostenute fino ad un massimo di € 96.000,00 per i lavori effettuati entro il 31/12/2018.

In base a quanto previsto nella guida dell’Agenzia delle Entrate, il bonus ristrutturazioni 2018 spetta a:

  • lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia effettuati su parti comuni di edifici residenziali, cioè su condomini (interventi indicati alle lettere a), b), c) e d) dell’articolo 3 del Dpr 380/2001);
  • interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia effettuati su singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e pertinenze (interventi elencati alle lettere b), c) e d) dell’articolo 3 del Dpr 380/2001).

Esempi di lavori di manutenzione coperti dal bonus

Alcuni esempi di lavori di manutenzione ordinaria riconosciuti dal bonus possono essere:

  • installazione di ascensori e scale di sicurezza
  • realizzazione e miglioramento dei servizi igienici
  • sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande e con modifica di materiale o tipologia di infisso
  • rifacimento di scale e rampe
  • interventi finalizzati al risparmio energetico
  • recinzione dell’area privata
  • costruzione di scale interne.

 Le spese sostenute dovranno essere documentate:

  • Fatture emesse dagli artigiani che eseguono o che hanno eseguito i lavori.
  • Pagamenti da effettuare solo tramite bonifico bancario specificando che si tratta di lavori per la detrazione.

 

Bonus Mobili prorogato per tutto il 2018

Per chi effettua lavori in casa vi è la proroga del bonus mobili per tutto il 2018.
Ne potranno beneficiare i contribuenti che effettuano lavori di ristrutturazione e che acquistano mobili o grandi elettrodomestici.

Vediamo in dettaglio cos’è il bonus mobili

Il bonus per l’acquisto di mobili o grandi elettrodomestici,  di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), è la possibilità di usufruire della detrazione del 50% sulla spesa sostenuta per l’acquisto.

Chi può usufruirne?

Per poter usufruire della richiesta del bonus è necessario realizzare una ristrutturazione edilizia su immobili residenziali. Gli interventi necessari per avere la detrazione sono:

  • Lavori di manutenzione straordinaria, restauro, risanamento conservativo o ristrutturazione.
  • Lavori di edilizia quale manutenzione ordinaria (tinteggiatura di pareti e soffitti, sostituzione pavimenti), ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza.

Documenti necessari per la richiesta

  • Fattura di acquisto dove è scritto esattamente l’articolo comprato.
  • Modalità di pagamento: Bonifico Bancario con relativa documentazione di avvenuto pagamento o carta di credito con esibizione dell’addebito sul conto corrente. Non si può pagare ne con contanti e tanto meno con assegno di conto corrente bancario.

Se avete la necessità di voler accedere a queste agevolazioni fiscali per il 2018 noi di TOPCASA siamo in grado di fornirvi tutta la consulenza tecnico/amministrativa.

Potete contattarci direttamente i nostri uffici al: 051-887960

Condividi l'articolo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll Up